Cari amici e clienti, nonostante l'emergenza sanitaria siamo operativi:
potete ordinare i prodotti sul nostro sito e scegliere se farveli spedire o venire a ritirarli presso di noi.
Siamo inoltre come sempre lieti di accogliervi nei nostri negozi di Milano , rispettando tutte le regole che questa difficile emergenza richiede:
consultate gli orari di apertura alla pagina Punti Vendita.

Buona navigazione!

Fornitore: Nanchen

NANCHEN – Quando la poesia è una bambola dipezza

Nanchen Natur è sinonimo di qualità nel mondo delle bambole di pezza: dal 1982 lo staff di Nanchen Natur ha creato oltre 300 modelli di bambole e doudoù di pezza che ogni anno cuce e dipinge a mano utilizzando lana, cotone e seta biologici. La manifattura artigianale rende ciascun pupazzo un pezzo unico e le espressioni appena accennate consentono alla creatività dei bambini di spaziare immaginando di giorno in giorno nuovi lineamenti e nuove espressioni.  Migliaia di pupazzi Nanchen Natur, realizzati esclusivamente in Germania in parte presso la sede dell’azienda e in parte valorizzando il lavoro di cucito svolto da una rete di donne presso la propria abitazione, vengono venduti in tutto il mondo.

I pupazzi Nanchen Natur possono essere lavati in acqua fredda con un comune detersivo per la lana e le capigliature in morbido mohair possono essere pettinate utilizzando una comune spazzola per capelli.

Per saperne di più su Nanchen Natur visita il sito web www.nanchen-puppen.com

Il doudou: cos’è e perché

Il doudou (pronuncia dudu) è un pupazzetto che viene messo nella culla del neonato sin dai primissimi giorni di vita del bambino per tenergli compagnia mentre fa la nanna e accompagnarlo nei primi mesi di crescita.
Pensato appositamente per i più piccoli, in commercio ne esistono di diversi tipi. Normalmente, sono costituiti da una sorta di copertina che li rende facilmente afferrabili dalle manine del bambino con una testa centrale priva di occhi e parti removibili per la totale sicurezza del neonato.

Il doudou, però, può essere anche una copertina, un fazzoletto, una vecchia maglietta…
Si tratta, insomma, di un oggetto transazionale (la classica copertina di Linus, per intenderci) da regalare al bebè dopo che la futura mamma lo ha tenuto con sé durante la gravidanza e impregnato con il suo odore.